APPLICAZIONI

Applicazioni

Negli ultimi tempi le tecnologie connesse al potenziamento di sistemi APR hanno subito un rapidissimo miglioramento. Nello specifico, i grandi passi avanti nell’ambito della sensoristica hanno permesso di equipaggiare i droni con molteplici carichi, nello spettro del visibile (camere digitali compatte o professionali), dell’infrarosso (camere termiche), camere multi-spettrali fino a giungere a sensori più sofisticati come ad esempio sensori Lidar o per il monitoraggio della qualità dell’aria.

La versatilità dei droni è impressionante, i campi di applicazioni molteplici e ancora da esplorare.

È di fondamentale importanza però, tenere a mente una cosa: l’impiego degli APR in ambito civile deve essere sempre subordinato alla regolamentazione presente nel Paese in cui si intende operare.

Di seguito vengono presentati alcune applicazioni in ambito civile per gli APR:

Telerilevamento

Il telerilevamento (in inglese Remote Sensing), è la disciplina tecnico-scientifica o scienza applicata con finalità diagnostico-investigative che permette di ricavare informazioni, qualitative e quantitative, sull’ambiente e su oggetti posti a distanza da un sensore mediante misure di radiazione elettromagnetica (emessa, riflessa o trasmessa) che interagisce con le superfici fisiche di interesse. Grazie alla capacità di volare anche a basse quote e di disporre di sensori di piccole dimensioni ma di buona qualità, gli APR possono essere impiegati per applicazioni connesse al telerilevamento quali la creazione di mappe di vigore di colture agricole e monitoraggio dello stato di salute della vegetazione, la creazione di mappe di copertura e uso del suolo, per l’analisi e il supporto nelle fasi immediatamente successive a calamità naturali oppure per il monitoraggio e la mappatura delle dispersioni termiche di edifici (case, capannoni, impianti industriali) privati e pubblici in un periodo, come quello attuale, in cui si parla molto di sviluppo sostenibile e perdita di terreno da destinare ad aree verdi.

Aerofotogrammetria e rilievo dell’architettura

La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di acquisire dei dati metrici di un oggetto (forma e posizione) tramite l’acquisizione e l’analisi di una coppia di fotogrammi stereometrici. Con l’avvento delle camere digitali di ridotte dimensioni (compatte o reflex), ma che possono garantire un elevato standard qualitativo relativamente all’immagine prodotta, la fotogrammetria può essere accostata agli APR e al loro utilizzo per la creazione di Modelli digitali del terreno (DTM), produzione ortofoto e, allo stesso tempo, per il rilievo architettonico di infrastrutture ed edifici per la creazione di modelli 3D.

Videoriprese e fotografie in generale

I droni, equipaggiati con le più sofisticate video-fotocamere digitali, si stanno rendendo sempre più performanti per tutte quelle necessità di ripresa “aerea” che fino ad ora sono state appannaggio quasi esclusivo di complicati e costosi strumenti quali il dolly se non addirittura l’elicottero vero e proprio.

Monitoraggio siti Archeologici, contro la depredazione e il commercio illegale di reperti

Una missione esemplificativa dell’impiego degli APR in ambito archeologico è il monitoraggio dell’antichissima necropoli di Fifa (Giordania).

Una soluzione efficace, considerando anche la difficoltà oggettiva reperire personale in aree militarmente critiche come il Medio Oriente.

Monitoraggio centrali termoelettriche e impianti industriali

Equipaggiati di sofisticati sensori (termo-camere, camere multispettrali ecc.), gli APR possono essere utilizzati anche per controllare nel tempo gli impianti di produzione di energia elettrica, o più in generale impianti industriali.

Monitoraggio ambientale e calamità naturali

Gli APR rivelano la loro grande utilità anche nel monitoraggio ambientale e delle aree colpite gravemente da terremoti e inondazioni. Un esempio sono gli APR statunitensi Global Hawk impiegati nella missione presso la Centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi, in Giappone. Hanno sorvolato l’area addentrandosi nella zona vietata (“no go zone”) con lo scopo di controllare i reattori in seguito alle esplosioni causate dal terremoto del Tōhoku del 2011, scattando anche foto con i sensori a infrarossi. L’alta radioattività rendeva infatti impossibile l’avvicinamento degli esseri umani.

Sicurezza territoriale, delle frontiere e lotta ai narcotrafficanti

Gli USA nel 2011 hanno avviato una collaborazione con il Messico per arginare il fenomeno del narcotraffico e dell’immigrazione clandestina attraverso il loro confine. L’esercito statunitense ha cominciato ad utilizzare i propri APR nei cieli del Paese vicino in seguito all’assassinio dell’agente dell’immigrazione Jaime Zapata, freddato da alcuni uomini armati nel Messico settentrionale il 15 febbraio 2011. Le attività strategiche USA-Messico sono state definite in modo congiunto dai due presidenti Barack Obama e Felipe Calderón, con l’obiettivo di adottare interventi decisivi per porre fine all’escalation di violenza dei trafficanti di droga. Gli APR sorvolano il confine e segnalano i movimenti e la forza numerica dei narcotrafficanti, notizie e dati che vengono tempestivamente trasmessi agli agenti sul territorio. Il vantaggio di questi mezzi è che sono praticamente invisibili da terra poiché volano a 18 000 metri d’altezza; in un solo giorno possono controllare minuziosamente un’area di circa 100 000 chilometri quadrati.

Biodiversità e monitoraggio fauna

Un’ulteriore ambito in cui i droni svolgono funzione di monitoraggio è quello ambientale, rivolto agli animali selvatici e al controllo numerico periodico per quelle specie con un alto tasso di riproduzione e che potrebbero causare problemi sia per la biodiversità dell’ambiente in cui vivono sia per eventuali danni alle produzioni agricole e zootecniche presenti sul territorio.

Operazioni di ricerca e soccorso

Gli APR possono svolgere un ruolo importante nelle operazioni di ricerca e soccorso consentendo di effettuare delle ricognizioni in tempi rapidi, in particolare a seguito del verificarsi di situazioni di emergenza. L’abilità di sorvolare i cieli a rapide velocità e a costi sostenuti (rispetto ad un elicottero, per esempio), rende gli APR mezzi di preziosa importanza nelle operazioni di ricerca e soccorso ed in generale in tutti i casi di emergenza e di situazioni critiche.

Galleria Video

Per maggiori informazioni compilare il form sottostante, oppure scrivere un’email a info@airondrone.it.

7 + 12 =